L’ospedale CTO di Torino vanta un reparto di Ortopedia e Traumatologia all’avanguardia

L’ospedale CTO di Torino vanta un reparto di Ortopedia e Traumatologia all’avanguardia

L’Ospedale CTO (Centro Traumatologico Ortopedico) di Torino, situato nel cuore della città, è una struttura sanitaria di riferimento nel campo della traumatologia e dell’ortopedia, non solo a livello nazionale, ma anche internazionale.

Con una storia che percorre diversi decenni, l’ospedale CTO fa parte, insieme all’ospedale Molinette, dell’azienda sanitaria Città della Salute e della Scienza, il più grande complesso di strutture ospedaliere d’Europa.

Il CTO di Torino ha guadagnato la sua reputazione attraverso l’elevato standard di cure mediche, la competenza del suo personale sanitario, e l’impegno costante verso l’innovazione e la ricerca.

Dedicato prevalentemente alla chirurgia ortopedica e traumatologica, il CTO di Torino ha sviluppato nel corso degli anni competenze avanzate e specialistiche in varie aree, tra cui la chirurgia della colonna vertebrale, la chirurgia protesica, la chirurgia della mano e molte altre. La sua équipe medica, composta da chirurghi, medici, infermieri e fisioterapisti altamente qualificati, lavora con dedizione per offrire ai pazienti un percorso di cura ottimale, dalla diagnosi alla riabilitazione.

L’ospedale è anche un centro importante per la ricerca e l’innovazione nel campo ortopedico e traumatologico, spesso adottando le tecnologie e le tecniche più avanzate per migliorare l’efficacia degli interventi chirurgici e promuovere la rapida e completa riabilitazione dei pazienti.

L’approccio multidisciplinare e il costante investimento in tecnologie mediche avanzate hanno fatto del CTO un punto di riferimento nel settore, con una solida reputazione che va ben oltre i confini italiani. L’ospedale rappresenta un esempio lampante di eccellenza medica, combinando tradizione e innovazione per fornire servizi sanitari di alto livello.

In linea con i migliori centri di medicina ortopedica e traumatologica, anche il CTO di Torino è coinvolto nella ricerca di nuove tecniche e tecnologie per migliorare gli esiti della chirurgia per i pazienti.

nuove tecniche chirurgia ortopedica

Ad oggi (2023), gli indirizzi di ricerca più innovativi sono:

  • Chirurgia Robotica: usata per aumentare la precisione e ridurre l’invasività dei vari interventi, dalla chirurgia della colonna vertebrale a quella articolare;
  • Chirurgia Mininvasiva: tecniche mininvasive sono utilizzate per ridurre il danno ai tessuti circostanti e promuovere una guarigione più rapida;
  • Stampa 3D: può essere utilizzata per creare modelli di ossa e altre strutture per la pianificazione preoperatoria e, in alcuni casi, per produrre impianti su misura per i pazienti;
  • Terapie Biologiche: l’uso di terapie cellulari e altri trattamenti biologici favorisce la guarigione e la rigenerazione dei tessuti;
  • Realtà Virtuale: questa tecnologia viene usata per la pianificazione chirurgica e la formazione dei chirurghi;
  • Intelligenza Artificiale: l’applicazione dell’IA può aiutare a migliorare la diagnosi, la pianificazione del trattamento e, potenzialmente, assistere durante gli interventi chirurgici.

2 esempi di tecniche chirurgiche innovative realizzate al CTO di Torino nel 2023

Intervento al ginocchio: trocleoplastica artroscopica

Un paziente con instabilità rotulea invalidante è stato trattato con la tecnica rivoluzionaria della trocleoplastica artroscopica.

L’instabilità femoro-rotulea è una patologia che si manifesta a partire dall’adolescenza investendo la troclea femorale, la struttura ossea dell’articolazione del ginocchio. Se non viene adeguatamente trattata, questa patologia conduce alla progressiva usura della cartilagine articolare, ovvero all’artrosi, causando seri problemi alla funzionalità del ginocchio.

intervento al ginocchio chirurgia robotica

Finora, si è trattato il problema solo con la tecnica della trocleoplastica, usata comunemente per correggere le anomalie anatomiche della troclea.

Il rimodellamento della troclea femorale (trocleoplastica) è una procedura molto invasiva e difficile da eseguire con tecnica tradizionale.

In questo caso, nel reparto di Ortopedia e Traumatologia dell’ospedale Cto di Torino è stata usata la tecnica innovativa della trocheoplastica artroscopica che, grazie all’impiego di immagini radiologiche, permette un’accurata riproduzione tridimensionale dell’anatomia della troclea femorale, facilitandone la correzione.

Questa tecnica è molto meno invasiva e ha il vantaggio di:

  • aumentare la precisione dell’esecuzione e la qualità del rimodellamento;
  • ridurre il dolore e le complicanze post-operatorie;
  • accelerare il recupero e la riabilitazione.

La tecnica, inoltre, consente di evitare di dover ricorrere a una protesi femoro-rotulea o ad altri interventi ancora più invasivi di protesi al ginocchio.

Intervento all’arto superiore sinistro: chirurgia robotica

Un giovane motociclista in un incidente stradale aveva riportato una lesione del plesso brachiale sinistro, il complesso di nervi spinali da cui dipende l’innervazione sensitiva e motoria della spalla, del braccio e della mano sinistra.

Il trauma aveva provocato un deficit completo dell’arto con impossibilità di muovere mano, gomito e spalla.

In circa 8 ore di intervento, l’équipe del CTO, composta da neurochirurghi e microchirurghi della mano, ha provveduto a tagliare il nervo sano alla radice della vertebra cervicale C7, per ricollegarlo dietro l’esofago ai nervi strappati, in modo da riattivare l’impulso elettrico verso la parte lesionata.

Il complesso intervento chirurgico, è stato eseguito con un microscopio robotico a controllo remoto e visualizzazione stereoscopica 3D; un dispositivo che consente di visualizzare ad altissima risoluzione 3D ogni punto dell’area da operare.

Dopo l’operazione, il paziente ha iniziato un percorso di recupero della funzione motoria al fine di riabilitare la motilità dei distretti interessati.

riabilitazione post operatoria assistenza

Assistenza ospedaliera privata all’ospedale CTO di Torino

Per aiutare le famiglie che hanno un proprio caro ricoverato all’ospedale CTO, Assistenza Famiglia offre un servizio di assistenza privata in ospedale, anche di pronto intervento, che risponde alle esigenze specifiche di ogni famiglia.

La nostra agenzia è pronta ad assistere pazienti nell’ospedale CTO intervenendo in poche ore dal primo contatto. Sottolineamo che, in tutti i casi, il permesso di accesso al reparto del ricoverato va ottenuto in via preliminare dall’ospedale.

Oltre all’assistenza ospedaliera, forniamo assistenza a domicilio nel periodo post-operatorio per garantire la continuità del nostro supporto a tutte le famiglie che ne hanno bisogno.

Il COSTO dell’assistenza viene concordato di caso in caso a seconda della quantità di ore da svolgere e della durata del servizio.

Per ulteriori dettagli contattateci senza impegno.

Condividi questo articolo: