Il Nostro Angolo di Libertà

Assistenza domiciliare a chi soffre di scompenso cardiaco

L’insufficienza cardiaca è una sindrome provocata dall’incapacità del cuore di fornire un sufficiente apporto di sangue agli organi del corpo.

La riduzione della contrattilità cardiaca (disfunzione sistolica) e del rilasciamento cardiaco (disfunzione diastolica) conduce a una condizione di scompenso cardiaco, in cui il cuore non “pompa” più sangue come dovrebbe.

La conseguenza è l’inadeguata irrorazione (ipo-perfusione) degli organi vitali, in particolare:

  • cervello
  • reni
  • fegato

Il progressivo deterioramento di questi organi può provocare gravi danni al cervello, portare al coma irreversibile per insufficienza renale o epatica, causare la morte.

Nella maggior parte dei casi lo scompenso cardiaco è una conseguenza di altre malattie cardiovascolari, quali:

  • cardiomiopatie;
  • cardiopatia ischemica;
  • cardiopatia congenita;
  • malattie coronariche;
  • endocardite (infiammazione del rivestimento interno del cuore (endocardio) e delle valvole cardiache;
  • ipertensione arteriosa;
  • valvulopatie (insufficienza mitralica e altre disfunzioni alle valvole);
  • ecc.

Nel loro insieme, le patologie cardiovascolari rappresentano la principale causa di decessi e invalidità in Italia.

Siccome i principali fattori di rischio delle malattie cardiovascolari sono noti:

  • fumo
  • alcol
  • cattiva alimentazione (obesità e diabete)
  • sedentarietà

patologie cardiovascolari scompenso cardiaco fattori rischio alcool

Agendo per tempo su questi fattori si hanno maggiori probabilità di prevenire lo scompenso cardiaco scongiurandone la diagnosi.

Il rischio di soffrirne negli anziani, in particolare se uomini, è molto più alto che nelle altre classi di popolazione.

Questa considerazione, insieme alla comprensione dei fattori di rischio, può aiutare molto in termini di prevenzione. Di fatto, però, assistiamo a una diffusa mancanza di consapevolezza e precauzioni che aumenta i casi di scompenso cardiaco.

Nei casi di scompenso cronico bisogna convivere con il rischio che degeneri in episodi acuti che richiedono l’ospedalizzazione.

I malati e gli anziani con scompenso cardiaco cronico e quelli ricoverati o in convalescenza post-operatoria, hanno bisogno della cura e dell’assistenza di professionisti competenti che siano in grado di monitorare le condizioni del malato e supportarlo nell’adempimento dei compiti quotidiani.

In questa fase interviene il sostegno di agenzie come Assistenza Famiglia di Torino.

Assistenti domiciliari a sostegno di anziani e malati con scompenso cardiaco

La presenza in casa di un assistente domiciliare con esperienza e competenze specifiche sull’insufficienza cardiaca ha sempre una funzione preventiva.

Saper riconoscere i primi segni e i sintomi dello scompenso cardiaco permette di prevenire l’acutizzarsi della malattia intervenendo tempestivamente sulle cause.

Riconoscere i sintomi iniziali di un anomalo affaticamento fisico, le difficoltà respiratorie e il gonfiore ai piedi, fa parte integrante del lavoro di monitoraggio di un assistente domiciliare.

Altri sintomi importanti di una condizione di scompenso cardiaco sono:

  • edemi;
  • inappetenza;
  • aumento del peso corporeo per ritenzione idrica;
  • insonnia;
  • aumento della minzione notturna;
  • tosse e catarro;
  • stati confusionali e perdita di memoria.

Oltre a sorvegliare il paziente, l’assistente domiciliare si assume il compito di accompagnare l’eventuale caregiver (cioè il familiare incaricato di prendersi cura del malato) in un percorso di approfondimento teorico e di abilitazione pratica alla gestione della patologia.

sintomi scompenso cardiaco prevenzione patologie cardiovascolari

A seconda dei casi e della gravità delle condizioni del malato affetto da scompenso cardiaco all’assistente domiciliare sono richieste competenze più o meno elevate.

Chiaramente, solo l’infermiere può garantire assistenza infermieristica vera e propria, ma nella maggior parte dei casi, un OSS o un assistente domiciliare preparato sono perfettamente in grado di assistere a casa il paziente in convelescenza o una persona con scompenso cardiaco cronico.

Tra le attività di assistenza e monitoraggio che svolge l’assistente a domicilio ve ne sono di alquanto importanti:

  • verificare che l’assistito assuma regolarmente i farmaci prescritti dal medico;
  • controllare quotidianamente la pressione arteriosa (monitorando la frequenza cardiaca);
  • controllare il peso più volte al giorno e a orari regolari (per identificare in tempo improvvisi aumenti di peso per ritenzione idrica);
  • migliorare l’alimentazione (evitando cibi fritti e grassi, riducendo il consumo di sale, mantenendo una buona idratazione, ecc.).

Le famiglie ricorrono all’assistenza privata per offrire un seguimento professionale ai pazienti in ospedale o a casa nel periodo post intervento operatorio.

La durata dell’assistenza, gli orari e il tipo di figura professionale vengono concordati con la famiglia per assicurare il miglior servizio possibile.

L’insufficienza cardiaca è una condizione fisio-patologica che va affrontata con competenza e grande dedizione per prevenire gli eventi traumatici e rilevare la comparsa di sintomi anche lievi.

Assistenza Famiglia ha i professionisti e l’esperienza per aiutare gli anziani, i malati e le famiglie in questo delicato compito.

Non esitate a chiamarci per esplorare insieme le opzioni a vostra disposizione.

Tags: assistenza domiciliare malati, assistenza post-operatoria